Home
Vi raccontiamo com'è andata l'avventura...


1Partito da Palermo il 28 Ottobre 2010, il gommone 33 Night&Day Solemar, motorizzato per l'occasione con 2 fuoribordo Verado da 300 hp, è arrivato ad Amsterdam dopo 40 giorni di navigazione nel pomeriggio di Martedì 7 Dicembre, con grande soddisfazione da parte di tutto l'equipaggio formato dallo skipper Sergio Davì, dal giornalista del "Il  Gommone" Umberto Trapani e dal videoreporter Simone Meneghel; un'esperienza indimenticabile sia dal punto di vista sportivo che dal punto di vista 2umano.

3.000 miglia in mare, in autunno o meglio in pienissimo inverno per noi mediterranei poco abituati alle rigide temperature ed alle problematiche condizioni meteo che invece in nord Europa sono normali.

Prima tappa la Sardegna e poi varie località della costa spagnola fino allo stretto di Gibilterra e poi ancora in Atlantico risalendo il Portogallo e le coste francesi per arrivare, sfidando le insidie del golfo di Biscaglia, sino al Canale della Manica dove hanno effettuato un’ultima sosta a Brighton prima del definitivo ingresso nei canali olandesi che conducono ad Amsterdam.
Oltre alla passione per il mare, allo spirito di avventura e al desiderio di confrontarsi con se stessi, l'equipaggio ha ripercorso la saga di rientro in patria dell'ammiraglio Michel de Ruyter caduto nel 1670 nella battaglia di Augusta, nella Baia di Siracusa.

3 4

È stata un'avvincente traversata, più lunga del previsto per via delle avverse condizioni climatiche, con un classico battello da diporto in una versione full optional dotata del valido supporto della strumentazione elettronica Furuno e Standard Horizon, che Sergio Davì ha5 così commentato: «Una vera avventura, non c’è che dire, che ci ha regalato forti emozioni e che è stata molto impegnativa psicologicamente e fisicamente. Sono stato piacevolmente sorpreso della qualità eccezionale del gommone. Costruito per il diporto ha mostrato un’enorme resistenza fin nei minimi particolari anche con grandi sollecitazioni come onde di 7-9 metri.».

Ed è soprattutto grazie al lavoro costante, all'impegno 6irrefrenabile di Sergio Davì che questa impresa ha avuto luogo: oltre un anno di preparazione, oltre un anno alla ricerca di sponsorizzazioni o meglio di persone che non ti guardano "strano" ma che ti danno fiducia, perché in effetti la tenacia mostrata da Sergio è davvero encomiabile sia prima, durante i lunghi mesi di progettazione e preparazione, sia dopo, durante questi 40 giorni nei quali ha tirato fuori tutta l'esperienza ed il sangue freddo necessari al portare a termine questo incredibile viaggio.

È possibile ripercorrere le tappe significative della traversata rileggendo il Giornale di bordo e riviverne le emozioni attraverso i post di tutti gli appassionati gommonauti sul blog www.gommoniemotori.com.

7

 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
AddThis Social Bookmark Button